Il Treeclimbing a Firenze è il servizio che maggiormente offriamo ai nostri clienti, per la potatura e l’abbattimento di alberi ad alto fusto. Ma cos’è? Come funziona questa tecnica? Chi la può esercitare? Chi è un vero professionista?

Con l’arrampicata sugli alberi è possibile accedere e operare su ogni albero, qualunque sia la sua dimensione, grandezza o ubicazione. La scelta di operare in treeclimbing a Firenze è senza dubbio infatti, la soluzione migliore per intervenire sugli alberi per le operazioni di potatura, consolidamento cura o abbattimento. Il treeclimbing è una tecnica che oramai è totalmente affermata e normata a livello nazionale.

La potatura degli alberi in treeclimbing

Intervenire “arrampicando gli alberi” permette di non utilizzare i normali mezzi meccanici, come gru, cestelli, grossi camion, portando molti benefici ai nostri clienti. Dove si può arrivare? Si riesci infatti ad intervenire anche negli spazi più stretti, difficili e non facilmente raggiungibili. Inoltre il treeclimbing è anche la migliore tecnica per salvaguardare la salute, l’aspetto e l’integrità degli alberi della nostra amata città: Firenze. 

Quali sono i vantaggi? Intervenire con questa metodologia consente all’operatore, il climber, di lavorare dall’interno verso l’esterno della chioma. In questo modo infatti si può avere una visuale certamente migliore e più completa di ogni parte della chioma, dalle biforcazioni principali fino ad arrivare agli apici più lontani dal tronco. 

Ma è una tecnica sicura? E’ una tecnica normata? Il treeclimbing è una tecnica totalmente sicura se ovviamente l’operatore che la pratica è una persona preparata, formata e professionale. Grazie alla nostra esperienza lavorativa in molti ambiti, alla professionalità maturata in tanti aspetti e alla continua formazione, sia come formatori che corsisti, ci siamo affermati come punto di riferimento per il Treeclimbing a Firenze.

L’abbattimento controllato in treeclimbing

Le ragione per cui un albero viene abbattuto in ambiente urbano sono molteplici. Con la nostra tecnica e le nostre competenze siamo in grado di intervenire su alberi anche di grosse dimensioni. Con la tecnica dell’abbattimento controllato possiamo letteralmente “smontare” in ogni parte un albero intero. In che modo?Tramite un sistema complesso di corde, carrucole, anelli di abbattimento e frizioni, siamo in grado di calare a terra ogni ramo e ogni porzione di tronco.

Questo il link del video di uno dei lavori svolti con la tecnica treeclimnbing a Firenze.

 

I campionati di treeclimbing.

L’arrampicata su alberi è principalmente una tecnica per il lavoro sugli alberi, per la cura e la potatura. Le gare consistono nel mettere alla prova il concorrente, il treeclimber appunto, in varie prove di tecnica e velocità. Come si svolgono? Come funzionano?

Ci sono varie “discipline”, e lo scopo primario dei campionati è di mostrare le buone pratiche arboricolturali. Non è infatti solo una gara di velocità, ma un insieme di valutazioni, come la sicurezza, la tecnica e l’eleganza nei movimenti etc…, premiano il climber più bravo.

Da ormai alcuni anni, il mio primo campionato risale infatti all’anno 2012, frequento il “mondo delle competizioni”. Da subito, la possibilità di mettermi alla prova e di poter vedere treeclimber molto esperti mi ha coinvolto molto. Partecipare alle gare, a prescindere dal risultato ottenuto, regala la possibilità di conoscere persone molto esperte nel treeclimbing, sia concorrenti sia giudici, e anche di imparare tantissime cose.

Da subito sono rimasto affascinato dall’eleganza e la produttività di alcuni colleghi. Ma ho trovato anche un grande riscontro con l’attività lavorativa. Infatti, con decisione, posso affermare che i campionati sono una grande scuola, e che la correlazione tra lavoro e competizione è molto forte.

Quando gareggio nelle gare di treeclimbing è come se stessi lavorando, quando lavoro è come se stessi facendo un campionato di treeclimbing.

Da ormai diversi anni partecipo ai campionati, sia in Italia che all’estero. Ho vinto 3 volte i campionati nazionali (2016/2018/2019) e nel 2017 sono arrivato quarto ai campionati mondiali di treeclimbing. Questo è il miglior risultato di sempre di un treeclimber italiano nelle competizioni internazionali.

Il treeclimbing Firenze è una tecnica sicura?

Operare con le funi su alberi ad alto fusto è una tecnica di lavoro sicura. Oltre a essere sicura è anche una tecnica certificata perché si rifa al Dlgs 81/08 (sicurezza sui luoghi di lavoro). Negli ultimi 10 anni il mercato ha fornito davvero tante novità e sperimentazioni nelle attrezzature specifiche per gli arboricoltori che operano con le funi. Il treeclimbing si sta affermando ormai come una tecnica riconosciuta a livello globale per il giusto intervento per gli alberi ad alto fusto. Infatti se ci troviamo lavorare, con alti standard qualitativi, in Italia, Usa, Australia o Germania, sarà molto facile incontrare le stesse tecniche operative. Il treeclimbing è una tecnica in continua evoluzione e sperimentazione. Ci teniamo però a sottolineare di muoversi all’interno delle regole di sicurezza. Sia a livello delle norme regolate dal decreto legge ma anche alle indicazioni del produttore di ogni attrezzo. Ogni DPI (dispositivo di protezione individuale) viene commercializzato con un apposito libretto di “istruzioni”. In questo documento ci sono le specifiche di ogni componente del nostro sistema di arrampicata su alberi. Un buon treeclimber, un arboricoltore che opera in sicurezza, deve quindi attenersi in maniera scrupolosa alle norme indicate dal produttore.

Fare l’arboricoltore utilizzando il treeclimbing come tecnica operativa è un mestiere che può regalare grandi soddisfazioni. Non è un lavoro però dove ci si può permettere di improvvisarsi. La formazione continua è un aspetto fondamentale. Consigliamo fortemente di percorrere un percorso di corsi di formazione specialistici. Questo percorso non si esaurisce in breve tempo, assolutamente. Tuttora anche noi, dopo anni di lavoro esperienza e formazione, continuiamo a formarci continuamente.